Causa a Regione Piemonte per i danni da smog alla salute di suo figlio: l’azione legale di Chiara

Avviata a Torino un’azione legale, dai risvolti nazionali, per chiedere alle istituzioni politiche efficaci a tutela della salute. “Respirare aria pulita e sana è un diritto di tutti, in tutta Italia. Dobbiamo rivendicarlo insieme”, spiega Chiara. 

CARTELLA STAMPA: FOTOVIDEOTESTIMONIANZA DI CHIARADICHIARAZIONI DEGLI AVVOCATI (VIDEO)

Torino, 18 novembre 2022 – È stata avviata ieri a Torino un’azione legale civile contro la Regione Piemonte per il diritto a respirare aria pulita e sana. A promuoverla è Chiara1, insieme al compagno, nell’interesse del loro figlio di sei anni.

Il bambino, fin dal concepimento, è stato esposto ai livelli di inquinamento elevati e spesso fuorilegge di Torino e, a partire dai primi mesi di vita, ha iniziato ad avere gravi problemi di salute, in particolare ai polmoni. “Casa nostra era in un quartiere estremamente trafficato. Anche l’asilo di mio figlio. E io, ogni mattina, avevo l’impressione di avvelenarlo”, racconta Chiara.

Torino è una delle città più inquinate d’Italia.
E l’Italia è uno dei paesi più inquinati d’Europa.

Per l’Agenzia europea dell’ambiente, l’inquinamento atmosferico è il principale fattore di rischio ambientale per la salute umana in Europa. L’inquinamento atmosferico può essere collegato ad attacchi d’asma, tumori, infarti e ictus e un numero crescente di studi dimostra come possa influire persino sui feti. In Italia, sempre l’Agenzia Europea per l’Ambiente stima che vi siano, ogni anno, 10.640 morti premature legate al biossido di azoto (NO2) e 49.900 legate al particolato fine (PM2,5). Si tratta, rispettivamente, del peggior e del secondo peggior dato a livello Ue.

“Respirare aria pulita e sana è un diritto di tutti, in tutta Italia. Dobbiamo rivendicarlo insieme”, dice Chiara. Se l’azione legale da lei presentata dovesse avere successo, sarebbe un precedente importante per tutte le persone che vivono in zone d’Italia con livelli di inquinamento fuori legge. 

Con questa azione legale, viene chiesto al Tribunale di Torino di riconoscere il diritto del bambino a respirare aria sana e pulita, di accertare la responsabilità della Regione Piemonte2 per la  violazione dei limiti di legge e di condannarla ad agire per il loro rispetto e al risarcimento dei danni causati.

“Non ci importa niente dei soldi, e se anche li ottenessimo li devolveremmo alle associazioni per la difesa dell’ambiente. Ci importa del diritto dei bambini a respirare aria pulita”, afferma Chiara. 

“Il diritto a respirare aria pulita è un diritto inviolabile espressione dei diritti costituzionali alla vita, alla salute, all’ambiente. Anzi, proprio la tutela dell’ambiente è stata espressamente riconosciuta dalla Costituzione come esplicito obiettivo nell’interesse delle future generazioni. Le istituzioni hanno il dovere di agire”, commenta l’avvocato Giuseppe Civale, che rappresenta la famiglia di Chiara insieme ai colleghi Luigi Gili e Marino Careglio, Massimo Dragone e Stefano Trevisan. 

Torino ha già ampiamente superato nel 2022 la soglia prevista dalla legge di 35 giorni con una media giornaliera del livello di PM10 superiore ai 50 microgrammi/metro cubo. Secondo il rapporto Mal’aria di Legambiente, a inizio ottobre, Torino era la peggiore città d’Italia con già 69 sforamenti. Secondo IS Global, inoltre, è la terza città più inquinata d’Europa a per i livelli di biossido di azoto (NO2).

Le politiche messe in atto dalle autorità non sono idonee a riportare i livelli di inquinamento sotto i limiti stabiliti dalla legge, che già sono molto più elevati delle soglie indicate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità come dannose per la salute umana3

A confermare l’inefficacia delle scelte compiute dalle istituzioni in Piemonte sono anche le tre procedure d’infrazione UE aperte nei confronti dell’Italia per livelli eccessivi di inquinamento atmosferico. Due di queste (quelle relative a PM10 e NO2) hanno già portato a condanne da parte della Corte di Giustizia dell’Unione Europea e in entrambi i casi. Torino era una delle aree interessate dalle infrazioni. 

“Torino continua ad essere una delle città con la peggiore qualità dell’aria d’Italia ed è importante che sia anche un laboratorio per tentare di combattere l’inquinamento atmosferico. Il Comitato Torino Respira sostiene la causa di Chiara ed ha messo a disposizione i suoi dati e la sua esperienza legale a sostegno della sua causa. Le ragioni di Chiara sono quelle di moltissimi genitori torinesi e di altre grandi città italiane, preoccupati per la salute dei propri figli e delle proprie figlie”, spiega Roberto Mezzalama, presidente di Torino Respira4.

L’azione legale di Chiara è sostenuta dal comitato di cittadini Torino Respira e dall’organizzazione di diritto ambientale ClientEarth

“Ho intrapreso questa azione legale per mio figlio, per me e per tutte le altre persone, che non sempre sono consapevoli di questo enorme problema. Non voglio che altri bambini siano costretti a passare quel che è toccato a mio figlio”, conclude Chiara.

La prima udienza deve tenersi ad almeno 90 giorni dall’inizio dell’azione legale.

 

Ufficio stampa

Per approfondimenti e interviste:   

Paolo Riva – +39 335 8703 065 – stampa@clientearth.org 

Elisa Gallo – +39 328 735 5957 – info@elisagallo.it 

 

***

 

NOTE

1 Per ragioni di privacy, in particolare del minore coinvolto, si è scelto di indicare solo il nome della madre. 

2 L’azione legale è rivolta contro Regione Piemonte quale ente responsabile in materia di qualità dell’aria. 

3 Le ultime raccomandazioni dell’OMS in materia di inquinamento atmosferico prevedono nuovi limiti, tra i quali:

  • Concentrazioni medie annuali di PM10 inferiori a 15 μg/m3. Il limite legale dell’UE è fissato a 40 μg/m3.
  • Concentrazioni giornaliere di PM10 inferiori ai 45 μg/m3, con un massimo di tre giorni di superamento all’anno  Il limite legale dell’UE è di 50 μg/m3, con un massimo di 35 giorni di superamento all’anno.
  • Concentrazioni medie annuali di PM2,5 inferiori a 5 μg/m3. I limiti legali dell’UE sono ora 5 volte superiori alle raccomandazioni dell’OMS (25 μg/m3).
  • Concentrazioni medie annuali di NO2 inferiori a 10 μg/m3. I limiti legali dell’UE sono ora 4 volte superiori alle raccomandazioni dell’OMS (40 μg/m3).

Ad ottobre la Commissione UE ha presentato una proposta di revisione della Direttiva sulla qualità dell’aria che prevede limiti inferiori a quelli attuali e anche disposizioni per rafforzare il diritto al risarcimento dei cittadini danneggiati dall’inquinamento dell’aria in caso di violazione delle norme UE. La proposta dovrà ora essere discussa e approvata da Consiglio e Parlamento Europeo.

4 A Torino è in corso un’indagine penale della magistratura partita da un esposto effettuato nel 2017 dal comitato Torino Respira. Il reato ipotizzato per il quale si procede è quello di Inquinamento Ambientale, disciplinato dall’art. 452 bis c.p. del Codice Penale. Fra gli indagati del procedimento figurano l’attuale presidente della Regione Alberto Cirio, il suo predecessore Sergio Chiamparino, gli ex sindaci Piero Fassino e Chiara Appendino. 

 

Campagna di comunicazione

Accanto all’azione legale è stata lanciata anche una campagna social per informare e coinvolgere le persone attorno ad un tema che riguarda tutte e tutti.

Qui è possibile vedere il video realizzato per spiegare le ragioni della causa.

Nella cartella stampa sono disponibili le grafiche della campagna, che possono essere condivise e rilanciate da associazioni e singoli individui.

 

Questioni legali

Azioni legali simili a quella di Chiara sono state intraprese su iniziativa di cittadini e cittadine anche in altri stati UE, come Germania e Belgio.

Nelle città tedesche in cui, in passato, sono state intraprese azioni legali legate alla qualità dell’aria, l’inquinamento atmosferico è sceso due volte più velocemente

Un parere importante dell’avvocato generale presso la Corte di Giustizia dell’UE in un caso a livello europeo suggerisce che i cittadini dell’UE possono fare causa ai loro governi per ottenere un risarcimento finanziario per i danni causati dall’inquinamento atmosferico.

Ad ottobre, il massimo tribunale amministrativo francese ha pubblicato una sentenza che impone al governo di pagare una multa da 10 milioni di euro per ogni semestre di continuata violazione dei valori limite.

 

Impatti dell’inquinamento atmosferico sulla salute

Per saperne di più sull’inquinamento atmosferico e sul suo impatto sulla salute, è possibile consultare l’apposita sezione del sito dell’OMS.

Le ultime ricerche hanno rilevato la presenza di particelle tossiche di inquinamento atmosferico nei polmoni, nel fegato e nel cervello dei feti non ancora nati. Recentemente sono emerse anche ricerche che dimostrano il meccanismo attraverso cui l’inquinamento atmosferico causa il cancro ai polmoni.

Un medico legale britannico ha confermato che l’inquinamento atmosferico è la causa ufficiale della morte di Ella Adoo-Kissi-Debrah, di nove anni. Il suo caso è diventato un caso emblematico, noto in tutto il mondo.